Copyright ® Massimo Gregori Grgič
Il mio nome è Seneca Tacito racconta che Seneca, in prossimità della sua morte, dettò una  memoria. Di questo testo si è persa ogni traccia. Da qui il romanzo  prende spunto e avvio: nel giorno in cui Seneca ha notizia della sua  condanna a morte da parte di Nerone, nelle poche ore che gli rimangono  egli detta allo schiavo Fabio la storia della sua vita. Un capitolo  con la voce narrante del filosofo si alterna a uno raccontato da un  narratore terzo. Seneca è un personaggio controverso: filosofo stoico  e ricchissimo usuraio, precettore di Nerone e tessitore di intrighi di  palazzo, fustigatore di costumi e complice di omicidi. La sua  esistenza si intreccia con quella di Caligola, Claudio, Messalina,  Agrippina e soprattutto Nerone, in uno spaccato di storia romana tra i  più affascinanti. 
seguimi su: