Copyright ® Massimo Gregori Grgič
Leonardo morte per un ritratto Leonardo da Vinci si sta spegnendo nel castello di Clos-Lucé ad  Amboise. Ha con sé alcune opere che lui ritiene incompiute, tra le  quali il ritratto di Monna Lisa Gherardini del Giocondo e il  profilo di una dama sconosciuta. Gian Giacomo Caprotti, detto  Salaì, è stato per molti anni l’allievo prediletto di Leonardo ma  ultimamente è stato soppiantato da Francesco Melzi. Lo stesso  testamento del Maestro favorisce Francesco Melzi, lasciando assai  poco a Salaì, il quale dipinge copie fedeli di alcuni dipinti  leonardeschi, compreso quello della dama sconosciuta. Ha inizio la  dispersione delle opere del Maestro attraverso il tempo e lo  spazio. Il romanzo segue le vicende dei due ritratti di donna,  quello dipinto da Leonardo e la copia fatta da Caprotti, in  un’alternanza di riferimenti alla storia e di avvenimenti di  fantasia. Dopo molte peripezie il finale svelerà che la realtà non  sta tanto in ciò che è vero quanto in ciò che vero si vuole  credere. 
seguimi su: